Itinerario 6. DA CAMIGLIATELLO (Fontana Fiuggi) A SELLA JORDANELLO PER IL VALLONE SETTE ACQUE


Altitudini: Camigliatello 1270 m.; Sella Jordanello 1570.

Disvivello in salita solo andata: 300 m. circa

Difficoltà: E (tendente a EE per via dei numerosi bivi)

Tempo di percorrenza solo andata: 1 h 30 m

Nota. Si tratta di un percorso molto complesso a causa delle tantissime stradine esbosco che si aprono da tutte le parti. Si consiglia di memorizzare bene gli incroci in modo da non sbagliarsi al ritorno.

Avvicinamento. Dalla statale 107 uscire a Camigliatello Silano. Al Bivio andare a sinistra (Via Forgitelle). All’incrocio con rotatoria (siamo di fronte alla vecchia stazione ferroviaria FC) lasciare l’auto.

Descrizione del percorso. Dirigersi verso la farmacia. Nel punto in cui Via Falcone e Borsellino gira verso destra, sul lato sinistro della strada, si stacca un sentiero che scende al Torrente Camigliati, che si attraversa con un ponte. Si guada subito un altro torrente, sempre su passerella (sul Torrente Sette Acque). Si entra così nel Vallone Sette Acque. Immediatamente si arriva a Fontana Fiuggi. Continuare dritti tralasciando la deviazione a sinistra. Si supera una sbarra di ferro. Si guada un ruscello di destra del torrente principale. Poi si passa sul lato destro della valle, sempre avvolta da un bosco misto di faggio e pino laricio, molto bello sulla pendice occidentale. Al bivio proseguire a destra. Poco dopo un’altra via secondaria si stacca a destra, in salita (per il Bosco Tasso), che bisogna tralasciare. Si riattraversa nuovamente il torrente e si procede in leggera salita. A destra è possibile notare alcuni grossi abeti bianchi secolari, a ridosso del fiume. Tralasciare la deviazione a destra (che guada il torrente e va verso il Bosco Tasso). Un centinaio di metri più avanti si abbandona la stradina di fondovalle e si gira completamente a sinistra, in salita decisa. Poi tratto in piano e, successivamente, breve discesa per un vallone. Tralasciare la via esbosco di sinistra e continuare a destra, in salita. Dopo aver superato una barriera di filo spinato continuare a sinistra, in leggerissima salita. Al bivio andare a destra e, subito, nuovamente a destra, in un bosco di pino laricio e giovani piante di faggio. Più avanti nuovo bivio dove bisogna girare a destra. Si sbuca su una stradina bianca esbosco, dove si continua sempre a destra. Tratto di bosco molto degradato. All'ennesimo bivio svoltare nuovamente a destra.  Si arriva così a una radura dove è possibile vedere Monte Curcio. Seguire la via in lieve pendenza fino a sbucare alla Sella Jordanello (si esce sull’itinerario 2). 
A sinistra si scende alle C.re Spirito Santo e a Fallistro, a destra si sale verso Macchiasacra e Monte Curcio.  



Il Torrente Sette Acque

Lungo il Vallone Sette Acque

Grande abete bianco nel Vallone Sette Acque

Vegetazione silana

La foreste lungo i pendì occidentali del Sette Acque

Il bosco nel Vallone Sette Acque

Lungo il Vallone Sette Acque

Verso la Sella Jordanello

Verso la Sella Jordanello

Verso la Sella Jordanello

Il sentiero che dal Vallone Sette Acque si reca alla Sella Jordanello

La radura nei pressi della Sella Jordanello

Nel Vallone Sette Acque

Attorno alla Sella Jordanello



Il sentiero che risale dal Vallone Sette Acque